Lov u Istri za strance

Istra je oduvijek bila zanimljiva stranim lovcima, prvenstveno talijanskim, što zbog dosta divljači koja u njoj obitava to i zbog prirodne ljepote i gostoljubivosti domaćih ljudi.

Blizina granice sa Italijom zasigurno je jedan od faktora što danas više od tisuću talijanskih lovaca lovi na području Istre.

Velik broj lovaca vjerno je lovu u Istri i više od 20 godina a ima ih i koji dolaze u Istru i više od 40 godina.

Najveći interes ti strani lovci pokazuju za lov šljuke bene, čiji rezultat lova ovisi o vremenskim prilikama, a upravo klima i konfiguracija terena u Istri u zimskim mjesecima pogoduje lovu na šljuke.

U Istri djeluje 38 lovačkih društava u kojima svako lovačko društvo autonomno odlučuje o cijeni lova i lov samostalno ugovaraju bez posredovanja agencija.

Što je potrebno za lov

Da bi strani lovci mogli loviti u Istri, po Zakonu o lovstvu RH potrebno je da strani lovac pri ulasku u Republiku Hrvatsku ima pisani Poziv ovlaštenika prava lova u čijem će lovištu loviti.

Nadalje, potrebno je ishodovati lovačku iskaznicu bez koje nitko ne može loviti i koju je potrebno obnavljati svake godine. (vrijedi od 01.01. – 31.12.)

Lovačku iskaznica za stranca, izdaje Hrvatski lovački savez na zahtjev ovlaštenika prava lova gdje će strani državljanin prvi puta loviti te godine.

Da bi mogli ishodovati lovačku iskaznicu potrebno je priložiti kopiju oružnog lista i putovnice. Cijena lovačke iskaznice je 400,00 kn i vrijedi za sva lovišta u Hrvatskoj.

Što je bitno da strani lovac zna

Strani lovac u RH može uvesti bez rješenja do 5 komada pasa pod uvjetom da pse prati propisana međunarodna putovnica ili svjedodž­ba o zdravlju (veterinarski certifikat) izdana od ovlaštenog veterinara kojom se potvrđuje vakcinaciju protiv bjesnoće, i da su označeni jasno vidljivom tetovažom ili elektronskim sustavom identificiranja - mikročipom.

Zabranjeno je:

  • loviti divljač u pojasu 300 m od ruba naselja u nizini i prigorju te 200 m u brdsko-planinskim područjima,
  • loviti divljač poluautomatskim puškama ako su tako uređene da mogu u spremište primiti više dva naboja,
  • loviti divljač vapcima, zamkama, upotrebom pomoćnih sredstava u lovu (magnetofona, gramofona, reflektora i sličnih zvučnih i/ili svjetlećih sredstava),
    Svako držanje navedenih sredstava izvan stambenog objekta, a unutar lovišta smatra se lovom.
  • ostaviti oružje na čuvanju u Republici Hrvatskoj
  • Lovac u Republici Hrvatskoj oružje smije posuđivati stranim lovcima koji imaju oružni list za takvu vrstu oružja i kojima je Hrvatski lovački savez izdao lovačku iskaznicu za stranca.
  • Stranci u svrhu lova mogu preko državne granice prenositi do tri komada odgovarajućeg oružja, 500 komada streljiva za lovačko oružje s glatkim cijevima te 100 komada streljiva za lovačko oružje s užlijebljenim cijevima, bez mogućnosti prodaje istog.
  • Za izvoz divljači strani lovci moraju imati Potvrdu o porijeklu divljači koju izdaje ovlaštenika prava lova i može izvesti najviše 10 kg mesa za svoje potrebe.

Dozvoljeno je loviti divljač u periodu:

  od do
Šljuke:    
bena (Scolopax rusticola L.) 01.10.12 28.02.12
kokošica (Gallinago gallinago L) 16.10.12 31.01.12
Fazan-gnjetlovi (Phasianus sp. L.) 16.09.12 31.01.12
Zec (Lepus europaeus Pall) 01.10.12 15.01.12
Prepelice:    
pućpura (Coturnix coturnix L.) 01.08.12 14.11.12
virdžinijska (Coturnix virginiana L.) 01.08.12 31.01.12
Jelen (Cervus elaphus L.) 16.08.12 15.01.12
košuta 01.10.12 28.02.12
tele 01.10.12 28.02.12.
Srna (Capreolus capreolus L.)    
srnjak 01.05.12 30.09.12
srna i lane 01.10.12 31.01.12
Svinja divlja (Sus scrofa L.)    
vepar, nazime i prase nema lovostaje
krmača 01.10.12 31.01.12

Cittadini stranieri a caccia in Istria

Vuoi per l'abbondante cacciagione e la selvaggina che abita i boschi istriani, vuoi per le bellezze naturali e l'ormai nota ospitalità della popolazione locale, l'Istria è da sempre la meta prediletta dei cacciatori stranieri, in particolare di quelli italiani.

La vicinanza è sicuramente uno dei motivi principali per cui annualmente oltre mille cacciatori italiani scelgono l’Istria.

Gran parte dei cacciatori è rimasta fedele all’Istria da oltre 20 anni, tra cui alcuni vi ritornano anche più di 40 anni.

L’interesse maggiore dei cacciatori stranieri è rivolto verso la caccia alle beccacce, pratica che dipende in gran parte dalle condizioni climatiche; e appunto il clima e la configurazione del territorio in Istria sono ideali per andare a caccia di beccacce nei mesi invernali.

In Istria vi sono 38 società venatorie che decidono autonomamente sul costo della licenza di caccia e stipulano i contratti di caccia direttamente, senza mediazione delle agenzie.

Come fare per andare a caccia?

Ai sensi della Legge sull’attività venatoria della Repubblica di Croazia, affinché un cacciatore straniero possa praticare la caccia in Istria, all’ingresso nel paese deve essere munito di un Invito del titolare della concessione sulla riserva di caccia nella quale si appresta a cacciare.

Inoltre, deve ottenere il tesserino venatorio obbligatorio per cacciare che va rinnovato ogni anno (con validità dal 1 gennaio al 31 dicembre).

Il tesserino venatorio per cittadini stranieri viene rilasciato dalla Federazione venatoria croata, su richiesta del soggetto autorizzato a svolgere la caccia nella zona in cui il cittadino straniero si appresta a cacciare per la prima volta in quell’anno.

Alla richiesta per ottenere il tesserino venatorio, vanno allegate le fotocopie della licenza di porto d’armi e del passaporto. Il prezzo del tesserino ammonta a 400,00 kune e vale per tutte le riserve di caccia in Croazia.

Cosa deve sapere un cacciatore straniero?

Un cacciatore straniero sprovvisto di apposita certificazione può portare in Croazia fino a 5 cani, a patto che siano accompagnati da un passaporto internazionale in corso di validità o da un certificato veterinario di buona salute, rilasciato da un medico veterinario, attestante la vaccinazione antirabbica valida. I cani devono inoltre essere contrassegnati da un tatuaggio ben visibile oppure essere dotati di un sistema elettronico di identificazione – microchip sottocutaneo.

È vietato:

  • Cacciare la selvaggina in pianura e ai piedi della montagna in un raggio di 300 metri dai limiti della zona abitata, mentre nelle zone collinari e montuose tale limitazione è fissata a 200 metri delle abitazioni,
  • Cacciare la selvaggina con fucili semiautomatici, se predisposti in modo tale da poter accogliere più di due cartucce nei loro serbatoi (caricatori),
  • Cacciare la selvaggina con zimbelli, trappole o utilizzare particolari mezzi d’ausilio durante la caccia (mangianastri, grammofoni, riflettori e simili apparecchi sonori e/o luminosi),
    Ogni possesso di simili marchingegni all’esterno dell’abitazione e nell’ambito della riserva da caccia, verrà considerato come attività venatoria,
  • Lasciare le armi in custodia nel territorio della Repubblica di Croazia,
  • In Croazia un cacciatore può dare in prestito ai cacciatori stranieri soltanto quel tipo di arma da fuoco per la quale questi ultimi possiedono una valida licenza di porto d’armi e a patto che abbiano ottenuto un tesserino venatorio per stranieri, rilasciato dalla Federazione venatoria croata,
  • Gli stranieri possono portare oltre il confine di stato fino a tre armi da fuoco, fino a 500 cartucce per fucili a canna doppia e 100 pezzi per la carabina, per uso prettamente venatorio, senza possibilità di rivendita,
  • Per esportare la selvaggina, i cacciatori stranieri devono ottenere un Certificato di provenienza della selvaggina, rilasciato dal soggetto autorizzato a svolgere la caccia, limitatamente ai 10 chili di peso per uso proprio.

La caccia alla selvaggina è possibile nei seguenti periodi:

  dal al
Beccacce:    
beccacce (Scolopax rusticola L.) 01 ottobre 28 febbraio
beccaccini (Gallinago gallinago L) 16 ottobre 31 gennaio
Fagiani (Phasianus sp. L.) 16 settembre 31 gennaio
Lepri (Lepus europaeus Pall) 01 ottobre 15 gennaio
Quaglie:    
quaglie comuni (Coturnix coturnix L.) 01 agosto 14 novembre
quaglie della Virginia (Coturnix virginiana L.) 01 agosto 31 gennaio
Cervi (Cervus elaphus L.) 16 agosto 15 gennaio
cerve 01 ottobre 28 febbraio
cerbiatti 01 ottobre 28 febbraio
Caprioli (Capreolus capreolus L.)    
caprioli 01 maggio 30 settembre
femmine e cuccioli di capriolo 01 ottobre 31 gennaio
Cinghiali (Sus scrofa L.)    
cinghiali, cuccioli di cinghiale e maiali senza limitazioni temporali
scrofe 01 ottobre 31 gennaio
  • Evitiamo gli incidenti di caccia perché ogni imprudenza durante la caccia può minacciare la sicurezza dei beni e delle persone
  • Siate sempre sicuri del vostro bersaglio e dell’area circostante
  • Tenete sempre il dito fuori dal grilletto finché non siete pronti a sparare
  • Considerate ogni arma da fuoco come se fosse carica
  • Tenete la volata dell’arma sempre puntata verso qualcosa che non volete colpire
  • DURANTE LA CACCIA, VESTITEVI DI ROSSO PER ESSERE BEN VISIBILI!
  • In caso di sospetto caso d’emergenza, CHIAMATE SUBITO L’192

Vi auguriamo un buon soggiorno in Istria e Croazia!

izrada: {webis}